Sesso, ecco il pillolo anticoncezionale per lui

20/03/2018
Sesso, ecco il pillolo anticoncezionale per lui

Potremmo essere davvero vicini allo sviluppo di una pillola anticoncezionale maschile. Un nuovo studio ha dimostrato che una compressa al giorno di un farmaco sperimentale e' sicura e funziona. Il nuovopillolo e' conosciuto con il nome dimetandrolone undecanoato, o semplicemente DMAU.

Come la maggior parte delle pillole contraccettive femminili, contiene una combinazione di ormoni: un androgeno come il testosterone e un progestinico. "Il DMAU e' un importante passo avanti nello sviluppo di una pillola maschile da assumere una volta al giorno", ha affermato Stephanie Page della Washington University di Seattle e autrice principale dello studio, presentato al meeting annuale dell'Endocrine Society a Chicago.

I ricercatori sono riusciti a superare uno degli ostacoli piu' difficili per coloro che stanno lavorando allo sviluppo del "pillolo". Uno di questi era la tendenza delle forme orali disponibili di testosterone a causare l'infiammazione del fegato. Inoltre, poiche' queste forme di testosterone tendono a liberarsi nel corpo in tempi relativamente brevi, gli uomini avrebbero dovuto prendere il pillolo due volte al giorno. Per ovviare a questi problemi i ricercatori hanno aggiunto un altro ingrediente, un acido grasso a lunga catena, che rallenta il rilascio dell'ormone, il che significa che una pillola al giorno dovrebbe essere sufficiente. Tuttavia, i ricercatori precisano di essere solo all'inizio. I risultati sulla sicurezza ottenuti in uno studio su 100 uomini dai 18 ai 50 anni d'eta' sono molto promettenti. 

I volontari hanno assunto il farmaco o un placebo per 28 giorni, una volta al giorno insieme a del cibo. DMAU deve essere assunto infatti con il cibo per essere efficace. Alla dose piu' alta testata, 400 mg, c'e' stata una "marcata soppressione" degli ormoni richiesti per la produzione di sperma. Sembra superato anche il timore che bassi livelli di testosterone possano causare perdita di desiderio sessuale e stanchezza, perche' nella maggior parte dei volontari non sono stati riscontrati questi effetti collaterali. Tuttavia, tutti gli uomini che assumevano la pillola maschile hanno avuto un aumento di peso e una diminuzione del colesterolo "buono", il colesterolo HDL. Ma i ricercatori hanno detto che si tratta di effetti bassi, che non dovrebbero essere motivo di preoccupazione. La funzionalita' epatica e renale e' risultata buona. "Questi risultati promettenti non hanno precedenti nello sviluppo di un prototipo di pillola maschile", ha detto Page. "Sono attualmente in corso studi a lungo termine per confermare che DMAU preso ogni giorno blocchi la produzione di sperma", ha concluso. 

Secondo gli ultimi dati resi noti da Ministero della Salute e Società Italiana di Urologia (SIU) i problemi urologici tra gli uomini italiani sono in rapido aumento e diffusione. Nello specifico, sono in 4 milioni a soffrire di eiaculazione precoce, primato assoluto rispetto, ad esempio, ai 3 milioni alle prese con la prostata ingrossata e la disfunzione erettile, ai 2 milioni colpiti da calcolosi, all’1,2 milioni di uomini affetti da neoplasie e all’1 milione con malattie infettive e infiammatorie. Su questi presupposti, continua la Campagna di sensibilizzazione Web e Social dedicata all’eiaculazione precoce, che riguarda 1 coppia su 3. È online il video #Insiemesenzafretta che, tramite l’utilizzo di immagini animate e stilizzate, rende protagonista la donna del problema del proprio compagno o marito. In 37 secondi si racconta la giornata tipo di una moglie, mamma e professionista che, rincorsa dalle lancette dell’orologio, cerca di adempiere a tutte le sue faccende quotidiane: portare a scuola il figlio, andare in ufficio, fare la spesa. Giunta la sera, la protagonista sogna un momento d’intimità con il proprio partner che, possibilmente, non si esaurisca in un soffio. Ma dovrà ricredersi… In conclusione, l’invito “digli di parlare con un medico”.

Da: QUI